Antura and the Letters

Il videogioco multipremiato per insegnare ai bambini siriani a leggere l’arabo.

Nel 2017 con Videogames Without Borders in collaborazione con il Cologne Game Lab, abbiamo creato un prototipo per partecipare ad un bando internazionale per crare un videogioco che potesse dare supporto psicologico ed educativo ai bambini siriani.

Abbiamo poi vinto tutte le fasi del concorso, allargando il team di sviluppo fino ad essere in 30 distribuiti in tutta Europa, Marocco e Libano, e a Marzo 2018 siamo stati premiati durante la Mobile Learning Week dell’UNESCO e in seguito una dozzina di altri premi in ambito Serious Games, Educational Game e Humanitarian Game (Game 4 Change, TechFugees, Social Impact Now…).

Il gioco è totalmente open-source ( link GitHub ), progettato e realizzato con la massima cura e test “sul campo”, nei campi profughi e nei centri dei rifugiati in europa.

Stiamo tutt’ora lavorando a delle evoluzioni del gioco, per insegnare inglese, francese, marocchino, e presto Pastho e Farsi, in diverse nazioni del mondo.

Sono molto orgoglioso di questo progetto di cui ho curato molti aspetti in tutte le sue fasi di produzione e coordinamento.

E' uno dei progetti che ho raccontato in molti talks sui Giochi Applicati e che ha poi dato vita al mio corso monografico sul Business Oltre L’entertainment e i Giochi per Cambiare il Mondo ( link )

Il sito ufficiale del gioco è http://antura.org

Per ricevere aggiornamenti quotidiani iscriviti al Canale Telegram o alla Newsletter settimanale, e condividi se vuoi aiutare:
Stefano Cecere
Stefano Cecere
Play well, Die Happy! Autore, Educatore, Sviluppatore, Umanista, Papà.

Ricerco, Sviluppo e Condivido nell’intersezione tra Giochi, Educazione, Tecnologie Digitali, Creatività, Filosofia e attivismo Umanista per una Politica 2042. Senza troppe aspettative ma almeno mi diverto nel tentativo :) ah e papà 2x

Prossimo
Precedente

Correlato