Perdonare i peccatori è una cazzata

ripensando al mio post precedente, sui ladri che restituiscono la macchina, ho riesumato una mia accezione del tema del perdonare:

  1. chi sono io per perdonare te? non sono mica superiore. e se anche ti perdonassi, ovvero “ma si dai facciamo finta che non è successo niente mi hai chiesto scusa vero?” cosa cambia? al massimo posso riconoscere che siamo entrambi umani e commettiamo tutti errori.
  2. se c’è qualcosa che ti devo perdonare è perché hai commesso un errore che ha creato danni. e la cosa importante è che TU riconosca questo errore e voglia ripararlo.
  3. io posso solo riconoscere la tua consapevolezza e ammenda, e qui attuare una RICONCILIAZIONE, che è ben diverso dal perdonare.

purtroppo veniamo da un retaggio culturale dove si davano spesso colpe e onori ad entità esterne (facciamo la guerra per conto di Dio… ero posseduto da un demonio, grazie a Dio ce l’ho fatta, etc ,etc)

e sopratutto una diffusa concezione che “tranquillo Dio perdona tutti”… ecco credo che un po' di revisione su questi temi non farebbe male

Per ricevere aggiornamenti quotidiani iscriviti al Canale Telegram o alla Newsletter settimanale, e condividi se vuoi aiutare:
Stefano Cecere
Stefano Cecere
Play well, Die Happy! Autore, Educatore, Sviluppatore, Umanista, Papà.

Ricerco, Sviluppo e Condivido nell’intersezione tra Giochi, Educazione, Tecnologie Digitali, Creatività, Filosofia e attivismo Umanista per una Politica 2042. Senza troppe aspettative ma almeno mi diverto nel tentativo :) ah e papà 2x

Prossimo
Precedente

Correlato