Antura: progettare e sviluppare un videogioco che aiuti gli altri

Abstract

Il videogioco è un media e uno strumento sempre più considerato non solo dal mercato e dai giocatori, ma anche dagli educatori, dai formatori, da chiunque abbia interesse ad un impatto sociale positivo per il nostro sistema umano. Partendo dal caso del recentissimo videogioco Antura and the Letters, pensato e sviluppato per insegnare ai bambini siriani a leggere l’arabo, e del suo relativo successo internazionale, con tanti premi in ambiti estranei al mondo videoludico, racconterò questo nuovo mondo dei videogiochi applicati, e le non poche sfide di design e sviluppo che dobbiamo affrontare per renderli davvero a misura d’uomo.

Data
8 Nov 2018
Luogo
Milan

questo è parte di disegno fatto dal vivo durante la mia presentazione:

Per ricevere aggiornamenti quotidiani iscriviti al Canale Telegram o alla Newsletter settimanale, e condividi se vuoi aiutare:
Stefano Cecere
Stefano Cecere
Play well, Die Happy! Autore, Educatore, Sviluppatore, Umanista, Papà.

Ricerco, Sviluppo e Condivido nell’intersezione tra Giochi, Educazione, Tecnologie Digitali, Creatività, Filosofia e attivismo Umanista per una Politica 2042. Senza troppe aspettative ma almeno mi diverto nel tentativo :) ah e papà 2x

Prossimo
Precedente

Correlato